I carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia con l’utilizzo di elicotteri e droni, hanno controllato la zona dei Monti Lattari. I militari dell’Arma hanno sequestraro circa 15 piante di marijuana di altezza pari al metro e 80, ognuna in perfetta fioritura. Trovata anche; la purple weed, o anche chiamata purple haze presente in un noto testo rock musicale. Della marijuana viola, sono state trovate diverse piccole piantine. Qualità essa tanto cara e amata dalla generazione Z. La purple haze, è conosciuta per i suoi effetti psichedelici, superiori alla normale marijuana, a causa di una maggiore concentrazione di THC; ovvero il tetra-idro-cannabinolo. La scoperta è saltata fuori durante un’azione di monitoraggio del territorio; che viene spesso ispezionato dati i cambiamenti della vegetazione che a volte aiuta a facilitare gli avvistamenti grazie all’uso dei droni. Proprio grazie a questi piccoli e silenziosi dispositivi si è venuti a conoscenza della piccola piantagione, portando all’arresto di un 68enne di Sant’ Antonio Abate già noto alle forze dell’ordine. Nel sequestro però emerge un dato allarmante e significativo. I narcotrafficanti si capisce da ciò; stanno rispondendo alle richieste del mercato, specie a quella dei giovani. Le piantine di purple haze la “qualità viola” probabilmente erano state appena piantate e lontane dal produrre germogli ma il dato resta oggettivo, quella droga è ancora più pericolosa di quella tradizionale. Daremo una breve spiegazione della Purple Haze. La qualità di marijuana Purple Weed o Haze, di colore viola, è una ibrida creata in California negli anni ’60. Si tratta di un incrocio tra una sativa messicana, una colombiana, un’indica indiana e una Purple Thai di origini thailandesi.

La Redazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *