Bradisismo – “Istituire subito una unità di crisi presso Palazzo San Giacomo”: lo chiede il coordinamento cittadino di Fratelli d’Italia a seguito dell’ennesima scossa di terremoto che si è avvertita questa mattina nell’area flegrea ed in diversi altri quartieri della città. “Ormai siamo destinati a convivere con questi continui episodi sismici ma sembra che l’unico a non essersi accorto di nulla è il sindaco Manfredi”, dicono il presidente cittadino Marco Nonno, il vice Luigi Rispoli e il consigliere comunale Giorgio Longobardi. “L’immobilismo del Comune rispetto a questo enorme problema è disarmante, perché se è vero che non si possa far nulla per prevenire o per evitare che le scosse si ripetano è anche vero che il Comune ha il dovere di lavorare sul piano della sicurezza per tranquillizzare i cittadini che convivono da anni con questo problema. Da troppo tempo il patrimonio edilizio dell’area flegrea è sottoposto a sollecitazioni derivanti da ricorrenti episodi di sciame sismico e rispetto a questo non ci si può accontentare della mancata rilevazione di danni apparenti ma bisogna avviare sulla città un vasto programma di prevenzione per l’adeguamento alle norme antisismiche”. “Per questo motivo – hanno concluso gli esponenti di Fratelli d’Italia- chiediamo che il sindaco insedi ad horas una unità di crisi composta da tecnici della Protezione Civile e della amministrazione comunale per procedere, con una puntuale programmazione, alla verifica dei fabbricati, pubblici e privati, dell’area flegrea e dei quartieri maggiormente esposti, ed in particolare degli edifici scolastici, rispetto al possibile impatto del verificarsi di altri eventi come quello di questa mattina che, lo ricordiamo, ha avuto una magnitudo di 3.7”.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *